e-books “LA VIE EN NOIR”


La Vie en noir” è una collana di racconti inediti socialnoir.

WORK IN PROGRESS…

Nasco nel cielo di Torino, in un volo fra Parigi e Palermo, da mamma basca e papà riminese cugino di Tiziano Longo, produttore del film “I ragazzi del massacro” scritto da Giorgio Scerbanenco e diretto da Fernando Di Leo. Cresco nella capitale siciliana, e all’età di sette anni mi trovo a passare, appena avvenuto l’agguato, davanti alla FIAT 1500 nera che contiene i corpi senza vita del giudice Scaglione e del suo autista. Non ancora adolescente scappo di casa da un nucleo familiare depressivo, rischiando di “perdermi” in una Palermo troppo pericolosa per un bambino in fuga. Già in quegli anni mio fratello, arruolato nell’esercito, era scomparso misteriosamente. Con i biglietti gratuiti di papà ferroviere, mi allontano dalla Sicilia e inizio a girare con un sacco a pelo l’Italia di fine anni ’70, lasciandomi coinvolgere ideologicamente nell’atmosfera politicizzata che caratterizzava quel periodo. Superato quel momento, a ventidue anni mi stabilisco a Roma, dove riesco a trovare una mia identità attraverso lo studio e il lavoro di fotografo d’architettura: collaboro con Fabbri, con FMR, con l’istituto dell’Enciclopedia Italiana, e con la professoressa Angiola Maria Romanini, storica dell’arte e consulente alla cultura del Presidente della Repubblica, per la quale realizzo campagne fotografiche d’arte medievale in Europa. Dopo queste esperienze nel settore editoriale, grazie a un nuovo percorso di studio, inizio a lavorare nell’ambito della comunicazione sociale, dirigendo spot per associazioni umanitarie, e partecipando a progetti di scrittura cinematografica. Nel 2011 partecipo alla Biennale di Venezia esponendo un’immagine cristologica che affronta il tema della violenza sui minori. Attraverso l’elaborazione di alcuni eventi fondamentali della mia vita approdo inevitabilmente al racconto di storie noir.