Frammenti di vissuto

 

Guido nasce nel cielo di Torino, in un volo fra Parigi e Palermo, da mamma basca e papà riminese cugino di Tiziano Longo, produttore del film “I ragazzi del massacro” scritto da Giorgio Scerbanenco. Cresce nella capitale siciliana, e all’età di sette anni si trova a passare, appena avvenuto l’agguato, davanti alla FIAT 1500 nera che contiene i corpi senza vita del giudice Scaglione e del suo autista. Non ancora adolescente scappa di casa da un nucleo familiare depressivo, rischiando di “perdersi” in una Palermo troppo pericolosa per un bambino in fuga. Già in quegli anni suo fratello, arruolato nell’esercito, era scomparso misteriosamente. Con i biglietti gratuiti del papà ferroviere, si allontana dalla Sicilia e inizia a girare con un sacco a pelo l’Italia di fine anni ’70, lasciandosi coinvolgere ideologicamente nell’atmosfera politicizzata che caratterizzava quel periodo. Superato quel momento, a ventidue anni si stabilisce a Roma, dove riesce a trovare una sua identità attraverso lo studio e il lavoro di fotografo d’architettura: collabora con Fabbri, con FMR, con l’istituto dell’Enciclopedia Italiana, e con la professoressa Angiola Maria Romanini, storica dell’arte e consulente alla cultura del Presidente della Repubblica, per la quale realizza campagne fotografiche d’arte medievale in Europa. Dopo queste esperienze nel settore editoriale, grazie a un nuovo percorso di studio, inizia a lavorare nell’ambito della comunicazione sociale, dirigendo spot per associazioni umanitarie, e partecipa anche a progetti di scrittura cinematografica. Nel 2011, invitato alla Biennale di Venezia, espone un’immagine cristologica che affronta il tema della violenza sui minori. Attraverso l’elaborazione di alcuni eventi fondamentali della sua vita approda inevitabilmente al racconto di storie socialnoir.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...