SENZA VEDERE

topor

Amo tutto ciò che per voi stona, tutto ciò che non vi aggrada, che ripudiate in quel buio cul de sac della vostra anima, solo perché detestate la verità che emerge dalla strada. Sono il bambino violato, il detenuto massacrato, l’adolescente che vende il suo corpo perché non ne conosce il valore, l’emarginato che dorme dentro a un cartone di vino e dolore, la donna aggredita, l’esule sul barcone alla deriva di un mare insanguinato alla ricerca di una lacrima di vita. Sono il diseredato, l’avanzo sociale, il tossico, il malato mentale, il pregiudicato, ma voi avete tirato dritto, come sempre, senza neanche fare un fiato, senza neanche alzare un dito.

 

Informazioni su Guido Fabrizi

Sono nato in volo e vivo sulla terra, in bilico fra le montagne e il mare. Ascolto e racconto le storie del mondo per dare un senso alla mia. Di questi tempi la scrittura è l'unica cosa che mi fa sentire veramente libero.
Questa voce è stata pubblicata in Racconti Brevi. Contrassegna il permalink.

11 risposte a SENZA VEDERE

  1. Nemesys ha detto:

    Sacre parole!!! Purtroppo è la verità di questa società… Senza un bracciolo di cuore o più semplicemente di umanità verso i propri simili 😌

  2. fulvialuna1 ha detto:

    Mi hai commosso ❤

  3. newwhitebear ha detto:

    Una società dove vince la legge del più forte, del più cinico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...