RES NOSTER

Quel silenzio arroccato come una fortezza, muta nell’attimo di sgretolarsi dentro a uno sguardo di dolore, perso nell’abbandono di un soffocante tradimento. Un silenzio scritto col sangue fraterno su di un’agenda rossa, macchiata da macabre risate che hanno squarciato senza scruppoli ogni verità, lacerandola in mille coriandoli di menzogne, rendendo l’anima opaca e morta, screditandola sotto a una pioggia di lacrime incandescenti che implorano un’irraggiungibile giustizia.

Informazioni su Guido Fabrizi

Sono nato in volo e vivo sulla terra, in bilico fra le montagne e il mare. Ascolto e racconto le storie del mondo per dare un senso alla mia. Di questi tempi la scrittura è l'unica cosa che mi fa sentire veramente libero.
Questa voce è stata pubblicata in Racconti Brevi. Contrassegna il permalink.

7 risposte a RES NOSTER

  1. Grazia ha detto:

    Quello sguardo indimenticabile, che aveva già pre-visto tutto… 💔

  2. il barman del club ha detto:

    Non c’è mai cosa peggiore come il tradimento, perché si è umiliati, presi alle spalle (!)

  3. newwhitebear ha detto:

    tradire la fiducia di qualcuno è un colpo mortale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...