LA DANZA

AlbertoZamboniPolpo

È inutile guardarsi indietro mentre la vita avanza, senza neanche un punto di riferimento, sospesi nel vuoto di una stanza, nell’infinito baratro dell’incoscienza, senza respiro, in un’apnea che porta alla demenza, privati anche di quel minimo, vitale, atomo di consistenza, mentre la notte intrappola ogni speranza, in un mondo che sembra giocare a palla con la nostra esistenza, e noi lì, felici, a subire la danza della tendenza.

Informazioni su Guido Fabrizi

Partendo dalla fotografia, sto percorrendo l'impervia strada della scrittura cinematografica. Di questi tempi, tutti mi dicono che è da folli girare per produzioni con i propri soggetti sotto il braccio... Sarebbe da folli rinunciare...
Questa voce è stata pubblicata in Racconti Brevi. Contrassegna il permalink.

8 risposte a LA DANZA

  1. tramedipensieri ha detto:

    …e noi lì, felici, a subire la danza della tendenza….
    (felici?)

    ben ritrovato Guido
    ciao
    .marta

  2. newwhitebear ha detto:

    Chi è felice si seguire il ballo della tendenza di norma ha portato il cervello all’ammasso.

  3. mileto angela ha detto:

    “…..sospesi nel vuoto di una stanza, nell’infinito baratro dell’inconscienza, senza respiro….”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...