L’AMORE CATTIVO

Anniversari, ricorrenze, non hanno senso se non le si vive tutto il resto della propria vita…

GuidoFabriziRaccontiBrevi

gioconda

Mi chiamo Letizia D. Ho 18 anni, ma forse è più corretto dire che li avevo e adesso non li ho più. Francamente devo ammettere che mi fa una strana sensazione vedermi ora, sdraiata lì, su quel tavolo d’acciaio ghiacciato, nuda, con un lenzuolo addosso, coperta di lividi e ferite da taglio coagulate, qualcosa di simile al cadavere di un animale investito da unauto pirata. Ma cosa mi ha ridotto in quello stato? Cosa può aver sfigurato in quel modo la mia vita? Ricordo che da bambina portavo la luce fuori e dentro me e che la notte, prima di addormentarmi, sognavo sotto alle lenzuola un amore speciale, bello, dai modi eleganti, sensibile e intelligente, capace di ascoltare e di comprendere: l’uomo della mia vita. Pretendevo troppo? Passava il tempo ma questo mio principe sembrava aver perso l’indirizzo del nostro primo appuntamento… Intanto la vita scorreva più o…

View original post 2.880 altre parole

Informazioni su Guido Fabrizi

Partendo dalla fotografia, sto percorrendo l'impervia strada della scrittura cinematografica. Di questi tempi, tutti mi dicono che è da folli girare per produzioni con i propri soggetti sotto il braccio... Sarebbe da folli rinunciare...
Questa voce è stata pubblicata in Racconti Brevi. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...