TEMPESTATI

tempetsati

Il sole non scalda più l’anima, brucia portando alla luce gli anfratti più oscuri della nostra vita; scioglie un’umanità persa dietro a ombre infinite, affannata solo a rincorrere l’irraggiungibile, nella convinzione di essere artefice della propria partita.

 

Informazioni su Guido Fabrizi

Partendo dalla fotografia, sto percorrendo l'impervia strada della scrittura cinematografica. Di questi tempi, tutti mi dicono che è da folli girare per produzioni con i propri soggetti sotto il braccio... Sarebbe da folli rinunciare...
Questa voce è stata pubblicata in Frammenti di Pensiero, Racconti Brevi. Contrassegna il permalink.

9 risposte a TEMPESTATI

  1. newwhitebear ha detto:

    L’ho trovata meno efficace rispetto alle precedenti. Perché? Hai usato troppe metafore (mondo di cartapesta, scioglie il ghiaccio di…, cancerogena illusione) in poche righe, snaturando il senso del post.

    • Guido Fabrizi ha detto:

      Hai colto nel segno… Qualche volta mi capita d’incartarmi a causa di un’urgenza comunicativa. Lascerò decantare riflettendoci su…

    • Guido Fabrizi ha detto:

      Deciso, sostituisco la prima versione: Il sole non scalda più l’anima, sta bruciando un mondo di cartapesta, illuminando gli anfratti più scuri della nostra vita. Scioglie il ghiaccio di un’umanità persa dietro a ombre infinite, affannata a rincorrere una cancerogena illusione nella convinzione di poter essere gli artefici delle nostre esistenze
      con
      Il sole non scalda più l’anima, brucia portando alla luce gli anfratti più oscuri della nostra vita; scioglie un’umanità persa dietro a ombre infinite, affannata solo a rincorrere l’irraggiungibile, nella convinzione di essere artefice della propria partita.
      Grazie g

      • newwhitebear ha detto:

        La nuova versione la trovo più snella e immediata nella lettura. Per me, opinione personale, è decisamente migliore di quella originale.

      • Guido Fabrizi ha detto:

        La sintesi, il minimalismo, spesso sono più efficaci, soprattutto in quest’epoca di ridondanza… E comunque le parole vanno usate sempre con accurata precisione, bandendo la fretta, e le varie interferenze, usando accuratamente il linguaggio… Grazie per avermi dato questo spunto di riflessione che a volte tendo a dare per scontato.g

      • newwhitebear ha detto:

        Non è facile scrivere in efficace sintesi usando le parole con precisione.

      • Guido Fabrizi ha detto:

        Non si può fare sempre centro… sarebbe mostruoso…:-)/

  2. opheliasang ha detto:

    Mi fa sorridere il fatto che io abbia usato questa stessa immagine per un mio post. E’ molto comunicativa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...