SABBIA

Sabbia 

Aveva una clessidra nella tasca, che stringeva dentro a un pugno, nel tentativo di fermare l’arena, col desiderio di creare un sogno. Strinse talmente forte che il vetro si ruppe, ferendosi la mano e, per sfuggire alla morte, la sabbia si mescolò col sangue, iniziando a scorrere nel mare, portandolo assai più lontano…

Informazioni su Guido Fabrizi

Partendo dalla fotografia, sto percorrendo l'impervia strada della scrittura cinematografica. Di questi tempi, tutti mi dicono che è da folli girare per produzioni con i propri soggetti sotto il braccio... Sarebbe da folli rinunciare...
Questa voce è stata pubblicata in Frammenti di Pensiero. Contrassegna il permalink.

7 risposte a SABBIA

  1. 65luna ha detto:

    Bravo! Ciao,65Luna

  2. guido mura ha detto:

    Il tempo è meglio che scorra per conto suo. Basta non pensarci, per non rompere le clessidre e non creare strani miscugli.

  3. il barman del club ha detto:

    bellissimo pensiero… a volte nelle cose più semplici è racchiusa tutta l’eternità !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...