POESIA

Chagall.-Il-mondo-sottosopra

I poeti, spesso, si uccidono continuando a vivere, per cantare le loro fragilità ad un mondo rigido che, continuando a morire, finge di esistere.

Informazioni su Guido Fabrizi

Partendo dalla fotografia, sto percorrendo l'impervia strada della scrittura cinematografica. Di questi tempi, tutti mi dicono che è da folli girare per produzioni con i propri soggetti sotto il braccio... Sarebbe da folli rinunciare...
Questa voce è stata pubblicata in Frammenti di Pensiero. Contrassegna il permalink.

10 risposte a POESIA

  1. danielaranucci ha detto:

    Nulla si crea nulla si distrugge tutto si trasforma…e visto che questo pensiero mi ha fatto venire in mente un vecchissimo testo di Mogol non mi rimane che aggiungere il link!http://youtu.be/Y7bD7_hFlu8

  2. ombreflessuose ha detto:

    La buona sorte non è mai a fianco dei poeti, ma loro ci lasciano magie
    Ciao, Guido
    Buon weekend
    Mistral

  3. sherazade ha detto:

    Ah Chagall! come può morire un artista che fa vivere in noi ogni sorta di emozioni? Sorride anche il mondo che muore.

    sherazade

  4. lafabbricadellescimmie ha detto:

    capisco queste tue parole, io sono un continuo morire per vivere, grigio per regalare colore, le mie foto vivono usando le mie forze e qualche volta esagerano. Più loro sono belle e più io muoio, muoio perchè avrei voglia di gridare al mondo la mia arte ma il mondo è troppo assente per ascoltarmi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...