LA BELLA E LA BESTIA

Picassojpg

La bella è la bestia: in realtà lei era infida, venale e fasulla, mentre lui era tutt’altro che una bestia…

Informazioni su Guido Fabrizi

Partendo dalla fotografia, sto percorrendo l'impervia strada della scrittura cinematografica. Di questi tempi, tutti mi dicono che è da folli girare per produzioni con i propri soggetti sotto il braccio... Sarebbe da folli rinunciare...
Questa voce è stata pubblicata in Frammenti di Pensiero. Contrassegna il permalink.

23 risposte a LA BELLA E LA BESTIA

  1. Pavolo ha detto:

    Mi sembra una buona trama per un racconto 😉

  2. germogliare ha detto:

    “punti di vista?” continua… ci sono pochi elementi per capire.

  3. tramedipensieri ha detto:

    La brutta e il principe….in realtà lui era un falso, bugiardo e ipocrita della peggior specie. 😉
    ciao
    .marta

    • Guido Fabrizi ha detto:

      Si Rischia sempre di finire sulla guerra dei “generi”… Per questo mi sta sulle palle la Boldrini quando dice che il femminicidio è un problema esclusivo dell’uomo e non di relazione fra i generi. Esistono donne che menano i mariti, donne assassine, donne che narcotizzano i figli per non sentirne il pianto, donne che uccidono i figli appena nati… e via dicendo. Insistere sulla guerra dei generi significa fuggire dal problema. Il femminismo non è la soluzione al conflitto, ma la sua esasperazione.

      • tramedipensieri ha detto:

        Ma guarda..volevo solo scherzare per rispondere al tuo post…e invece…
        non ne avevo capito la sottigliezza, scusa…

        Non ho i dati per sapere quante donne abbiano ammazzato uomini.

        A naso direi che c’è un leggero dislivello 😦

        Non è solo un problema di relazione tra i due generi ma quanta responsabilità hanno le istituzioni e la religione cattolica in tutto questo.
        Sicuramente le istituzioni non sono a favore della famiglia…o del rapporto uomo-donna. E questo non aiuta…
        Sicuramente la Chiesa divide ancora di più anzichè unire…divide perchè non mette nello stesso piano i generi….

        E se entrambe, magari mi sfugge qualcosa, dovessero metterli nello stesso piano lo fanno solo a parole.

        Da qui in avanti ho scritto cinque volte e cancellato sei…
        no.
        Sento di non essere obiettiva.

        Il femminismo non lo sopprto nemmeno io ma gli riconosco la grossa battaglia iniziale per il risveglio delle menti.

        Tanti uomini sono cambiati solo per il fatto di aver avuto delle figlie femmine: secondo te c’entra qualcosa?

      • Guido Fabrizi ha detto:

        Non intendevo essere polemico, ma solo esporre una realtà che fa parte del genere umano, e non appartenente a sole donne o soli uomini. La chiesa, la politica ecc.. sono solo fattori sociologici che francamente non apportano altro che pregiudizio. Per capire quello che sta accadendo farei riferimento più che altro a cose tipo l’elaborazione paranoica del lutto, e le dinamica fra gruppi, molto ben esposte da Bion. Le percezioni che derivano dal senso comune spesso distorcono la realtà…Sono solo opinioni. Purtroppo siamo condizionati da questi meccanismi,strumentalizzati mediaticamente, che non ci fanno andare a monte del problema, consentendoci solamente di schierarci da una parte o dall’altra, senza risolverlo.

      • tramedipensieri ha detto:

        Tempo fa pubblicai questo: http://tramedipensieri.wordpress.com/2012/12/06/macho/ e noto che tu lo hai letto…
        Questo per dirti che ho avuto sempre curiosità nelle cose, in certe dinamiche evolutive.
        Detto questo volevo ritornare sul discorso educativo e, precisare, che secondo il mio punto di vista questo è di fondamentale importanza.
        Come importante sono gli esempi che si dà ai ragazzi, ai figli …sin da piccoli.

        Ho letto diverse cose sull’argomento e nel percorso ho realizzato che molti fan cadere la responsabilità dell’educazione maschile…alle madri.
        Ora, tenuto conto che è (dovrebbe) essere la coppia ad educare i figli. penso che questa ricada su entrambi.
        Ma se loro stessi, i genitori, sono nati con certi pregiudizi, limiti e quindi schemi …come possono educare all’eguaglianza dei generi?
        Uscire fuori dal ruolo imposto da piccoli non è facile…significa vivere e non deludere le aspettative di altri…
        Uscire fuori da certi schemi non è cosa facile. Se la coppia insegna al meglio poi all’esterno insegna altro ai ragazzi\e.
        La vita tutt’ora divide i generi. Dalla pubblicità che educa alla violenza…per la più piccola cosa….
        Al nudo femminile…a certi modelli corporei che si ricercano, che si desiderano…che emozionano.
        E viceversa, forse, per quanto riguarda le donne…..
        Non facile…non facile purtroppo…e mi accorgo che anche io ho tanti limiti..

        ari buona serata guido
        ciao
        .marta

      • Guido Fabrizi ha detto:

        Non dimentichiamo che ci sono anche tante donne che portano tanti bravi uomini sull’orlo del fallimento, e spesso a dormire nella propria macchina, o mangiare alla Caritas ecc. Personalmente ne conosco 6. Non si può però affrontare un simile tema su di un post… l’unica cosa che mi viene da dire e che bisogna imparare a rispettare ogni essere umano. Buona notte. guido

      • tramedipensieri ha detto:

        Non dimentico no che ci sono tante donne che portano tanti bravi uomini sull’orlo del fallimento. Oh, si…non lo dimentico.
        E non dimentico nemmeno il perchè. Ne conosco 10.
        Affrontarlo su un post non è facile ma non impossibile.

        Concordo sul rispetto reciproco, sempre!

        ‘notte…
        ciao
        .marta

  4. ludmillarte ha detto:

    le favole trasmettono che ‘bello’ è buono e ‘brutto’ è cattivo. credo di averlo pensato per una buona parte dell’infanzia… forse meglio insegnare anche altri possibili abbinamenti come bello/a e cattivo/a oppure brutto/a e buono/a (magari anche per non allontanare a priori chi non ci va esteticamente o viceversa avvicinare persone per la bellezza che risulteranno spiacevoli)

  5. germogliare ha detto:

    Ogni singolo o ogni gruppo ne ha una propria. E per condividerla si necessita della stessa forma mentis, riconoscersi nei pari ideali etici. Non credo sia rintracciabile tra i generi la verità.

  6. scatenolamente ha detto:

    c’è sempre qualcosa dietro eh ?! mille maschere pronte ad alternarsi continuamente …

  7. ombreflessuose ha detto:

    La realtà , attualmente, supera la favola
    Le mie favole hanno sempre come sfondo l ‘anima ed essa non è né maschio, né femmina
    Ciao, Guido
    Buona domenica
    Mistral

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...