FILO D’ERBA

FragiliFili D'erbaGuidoFabrizi

Non voglio più riporre il mio dolore nella lana di vetro per occultarne il suono, per non sentirne più l’odore. Mai più imballare un’emozione per riporla sottovuoto, senza una lacrima, sotto la maschera della finzione. E’ dal sangue e dal sudore che sgorga la mia vita, per giungere a fior di pelle, ora, fra le tue dita come un fragile filo d’erba intravisto sull’orizzonte di un’antica salita, come un bambino che rincorre lucciole accese in questa notte infinita.

 

Informazioni su Guido Fabrizi

Partendo dalla fotografia, sto percorrendo l'impervia strada della scrittura cinematografica. Di questi tempi, tutti mi dicono che è da folli girare per produzioni con i propri soggetti sotto il braccio... Sarebbe da folli rinunciare...
Questa voce è stata pubblicata in Frammenti di Pensiero e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a FILO D’ERBA

  1. Ellie ha detto:

    Che belle parole 🙂

  2. gelsobianco ha detto:

    Pensiero decisamente vero, che sento molto anche mio, e scritto molto bene!
    Complimenti!
    Bella fotografia in tema!
    Sorriso
    gb

  3. ombreflessuose ha detto:

    Qualche volta riponiamo la nostra vita in mani che ci procurano ancora più sofferenza
    Bravo, le tue parole ci fermano a riflettere
    Baci bacini
    Mistral

  4. Guido Fabrizi ha detto:

    Grazie a te per cogliere sempre il significato intimo. Baci. Guido

  5. gelsobianco ha detto:

    “E’ dal sangue e dal sudore che sgorga la mia vita, per giungere a fior di pelle ora, fra le tue dita”
    Noi ci consegniamo talvolta ad un’altra persona… come un fragile filo d’erba… o come un bambino che rincorre le luci delle lucciole senza poterle mai raggiungere…
    Il tuo far giungere la tua vita a quelle dita mi sembra un qualcosa che ti procuri “dolore”…
    Questo sento!

    gb

  6. germogliare ha detto:

    ed è l’unico modo per sentirsi vivi.
    un saluto

  7. Dacia ha detto:

    Caro Guido mi pare che stia imparando a essere meno lugubre ed estremo. La poesia è anche leggerezza, caro Guido, di quella leggerezza di cui parlava Calvino che fa pensare al breve volo scandito e preciso di una rondine in cerca di cibo. UN carissimo saluto da Dacia m
    http://www.daciamaraini.com/tools/maraini-2.shtml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...