LA SOSTANZA DELLA VITA

Un litro di latte ti dura una vita, un litro di vino da sera a mattino. La vita che sfugge anche se arrivi a cent’anni, e se corri a duecento sei solo un cretino. Hai quattro pasticche che ti fanno viaggiare, ma non metti mai in conto che puoi non tornare, a guardare le stelle, l’amore, un bambino, concederti un sogno immerso nel mare, seguire un’idea, abbracciare il destino. Lo sballo che cerchi non è poi ballare, ma vivere a tratti per poi vomitare. Tu sai che la vita è la sola sostanza, che esorcizza il dolore, che apre la danza. È lei, la vera, la sola eroina, che lotta con te, da sera a mattina. Se la guardi negli occhi, sarai più forte di prima.

 

Pubblicato in Racconti Brevi | 7 commenti

UNO SPLENDIDO 2018 A TUTTI VOI.

Insomma, alcuni giorni fa mi sono sbendato. Avevo paura…non avevo il coraggio di guardami. Il prof. mi aveva detto di aver superato il problema, ma temevo, visto il settimo intervento, di essere deturpato definitivamente. Ho chiuso le luci, ho acceso una candela, e ho iniziato a togliere lentamente i cerotti. Mi sono messo a piangere di gioia. Non c’era uno scavo, la deturpazione temuta, ma una nuova guancia, perfetta, com’era prima, con tanto di barba, e con due cicatrici che altro non fanno che raccontare il mio passato. Ogni vita ha il suo percorso, e non possiamo giudicare perchè accadano le cose, spesso dietro a una prova difficile si celano prospettive inaspettate…

Pubblicato in Post | 8 commenti

BUON NATALE!

Dal 2011 ho combattuto contro un BBC bastardo, subdolo, un infiltrante e multifocale carcinoma della pelle. Sei interventi sulla guancia destra, tutti sullo stesso punto, a causa di sei recidive. Il sistema sanitario italiano ti offre un classico intervento al volto, eseguito a occhio, continuando a scavare ad ogni recidiva, senza garantire guarigione, senza contemplare un intervento ricostruttivo, ma soprattutto non ti mette a conoscenza dell’esistenza della Mohs, una tecnica efficace di microchirurgia oncologica, che consente di risolvere radicalmente, attraverso un’analisi diretta del tessuto, seguita da una ricostruzione di chirurgia plastica. Tecnica elitaria, costosa, che in pochi fanno in Italia, e che in particolari casi, come il volto, dovrebbe essere la norma. Però, in questo percorso difficile, ho ricevuto un grande dono. Uno degli uomini più noti sulla faccia del Pianeta mi ha preso per mano, mi ha accompagnato in questo percorso, sostenendomi materialmente, ma soprattutto spiritualmente, aiutandomi a trovare quella giusta forza psicologica per affrontare, con resilienza, questa condizione non facile. Alcuni giorni fa il primo passo è stato fatto. L’intervento è durato sei ore, e il bastardo è stato sconfitto. Ora resta un percorso in profondità, una strada per acquisire l’accettazione di una nuova fisionomia che ancora non riesco a intravedere, a causa del gonfiore e delle linee nere tracciate dai punti, che fanno tanto Massimo Decimo Meridio. In questi giorni di Natale inizierò a sbendarmi, assaporando il dono, quello di aver avuto una possibilità di guarigione, ma anche quello d’intraprendere un nuovo viaggio in me stesso alla ricerca di una nuova prospettiva. Negli anni ho scoperto il valore terapeutico della scrittura, e di tutto questo prima o poi ne scriverò una storia. Sono convinto che solo rielaborando la nostra sofferenza, le nostre difficoltà, possiamo diventare strumento concreto, utile a noi stessi e agli altri.

Pubblicato in Post | 16 commenti

L’ERA DELLA PLASTICA

Un racconto sotto l’albero per voi!

gratuitamente su: Amazon  Feltrinelli  Mondadori

Pubblicato in Post | 3 commenti

SCARICA LA VITA

Fra vent’anni, i ventenni, avranno il pollice e l’indice usurati, con le impronte digitali consumate dall’attrito continuo, costante, con un mondo alienato, inesistente. Fra vent’anni, i ventenni, saranno strabici, perchè il mondo non lo si può guardare sempre a venti centimetri di distanza, correndo il rischio di credersi liberi, trascorrendo tutta l’esistenza a scaricare la vita in una stanza. Fra vent’anni, i ventenni, avranno retine scansite e chip sottocutanei, per vivere sicuri, ma non potranno più essere invisibili, neanche quando cercheranno disperatamente un attimo di solitudine, di silenzio, da pagare a caro prezzo nel mercato illegale della libertà. Fra vent’anni, i ventenni, avranno il collo definitivamente piegato, irrigidito, genuflesso, inchinati inconsapevolmente a un potere che li avrà ipnotizzati, privandoli del futuro, senza dar loro la possibilià di una nuova app che li aiuti a ritrovare la propria identità smarrita, persa all’interno di un infinito selfie.

 

Pubblicato in Frammenti di Pensiero | 9 commenti

25/11/2017

La Boldrini, riferendosi agli uomini, ha detto più volte “loro”, come se fossimo tutti degli orchi. Le guerre di genere aumentano solo il livello di violenza, e non risolvono nulla. Oggi, invece, andate con le vostre compagne, con le vostre fidanzate, con le vostre mogli, a fare una passeggiata, a mangiare una pizza, e date loro un bacio, una carezza. Il tempo di farmi una doccia, e passo a prendere il mio amore.

Pubblicato in Post | 2 commenti

L’AMORE CATTIVO

In occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne un piccolo pensiero per te.

Puoi scaricarlo gratuitamente su: Amazon…e altre librerie online.

Feltrinelli  Mondadori

Pubblicato in Post | 7 commenti